image1 image2 image3 image4 image5

Notizie flash

OGGI 31 LUGLIO 2011 nasce “la voce cosentina

la voce cosentina”, rappresenta una scommessa, una sfida. Quella di offrire un'informazione libera e realmente senza padroni. La sfida del coraggio della verità. Quella verità scomoda che non piace ai potenti, a chi gestisce le lobby, a chi amministra il bene pubblico per trarne vantaggi di natura personale e familiare.

Sei quì: Home Convegni Convegno "L'eredita' di Paolo Borsellino" Palagianello (Taranto) 21 luglio 2006

Calendario

«  settembre 2021  »
lmmgvsd
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930 
Convegno "L'eredita' di Paolo Borsellino" Palagianello (Taranto) 21 luglio 2006 PDF Stampa E-mail
Fonte: (Associazione Punto e a capo; www.Delfinierranti.org)


Convegno "L'eredità di Paolo Borsellino - L'azione del magistrato e il ruolo della società civile"
Palagianello (Taranto) 21 luglio 2006

(Intervento di Gianfranco Bonofiglio, responsabile Osservatorio Legalità Ente Provincia di Cosenza su mafia politica e impresa)

Ci sono tanti modi per ricordare Paolo Borsellino. Ieri ricorreva l’anniversario della strage di via D’Amelio a Palermo, avvenuta due mesi dopo il maxi-attentato di Capaci dove morirono Giovanni Falcone, la moglie e i ragazzi della scorta. Stessa sorte toccò alla scorta di Borsellino. Diverse commemorazioni si sono tenute a Palermo e in Sicilia, ma anche nelle altre regioni del Sud è importante ricordare quegli eventi, perché il cambio di marcia che occorre nella lotta alle mafie interessi tutto il Mezzogiorno. Il valore della memoria deve essere sempre vivo per sviluppare scelte e azioni positive per lo sviluppo del Sud, sviluppo che non può prescindere dalla legalità. Proprio per questo, si terrà domani venerdì 21 luglio 2006, ore 18.30, in Palagianello, provincia di Taranto, Sagrato Cappella, un incontro sul tema “L’eredità di Paolo Borsellino - L’azione del magistrato e il ruolo della società civile”.

 

 

Si parlerà di lotta alle mafie, in rapporto alle politiche pubbliche per il Mezzogiorno e agli impegni programmatici del nuovo Governo e del Parlamento. Il Sud continua a essere una grande questione nazionale: senza il Sud non cresce l’Italia e se l’Italia non cresce non aggancerà l’Europa e resterà fuori dai circuiti dell’economia globalizzata. Un’ipotesi che va scongiurata da oggi per costruire il futuro del Paese e del Mezzogiorno. Il Sud potrà crescere solo se sarà liberato dalle mafie, che sono ancora forti ma si possono battere. Questo messaggio di impegno e di speranza uscirà da Palagianello.

L’evento, organizzato dall’Associazione di promozione sociale “I Portulani – I guardiani del borgo antico” con il patrocinio del Comune di Palagianello e della Regione Puglia (decreto n. 661 del’11.07.2006), si svilupperà come segue:
- Francesco Petrera, saluto del Sindaco del Comune di Palagianello
- Proiezione del film-documentario “Il potere e la mafia” realizzato dalla rivista Antimafiaduemila (durata circa 30 min.)
Al termine della proiezione interverranno:
- Gianfranco Bonofiglio*, sul tema “Mafia, politica e impresa”.
* Responsabile del “Centro Studi Nazionale sull’Illegalità” e dell’ “Osservatorio sulla Legalità della provincia di Cosenza”, giornalista autore del libro “La città oscura” (Falco Editore)
- Matteo Di Giorgio*, sul tema “Analisi della realtà mafiosa territoriale”
* Sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Taranto.
- Orfeo Notaristefano*, sul tema “Un nuovo modello di sviluppo economico e sociale per il sud è possibile”.
*Responsabile dell’Area dell’Informazione del Consiglio Regionale del Lazio, fondatore dell’Associazione “Verso sud”, giornalista autore del libro “Senza Mafie. Verso sud. Scelte ed azioni positive”(prefazione di Giuseppe Lumia, ed. Rubbettino)
- Cap. Massimiliano Conti*, sul tema “I giovani e la legalità”
* Comandante Compagnia dei Carabinieri di Castellaneta
- Don Luigi Merola*, sul tema “L’impegno della Chiesa nei quartieri a rischio”
* Parroco della chiesa S. Giorgio Maggiore di Forcella, fondatore dell’associazione “Annalisa Durante”, dedicata alla quattordicenne uccisa, per errore, a marzo 2004, in un conflitto a fuoco tra camorristi, insignito del premio “paladino dell’infanzia” dal Presidente della Camera dei Deputati il 20.11.2005.