image1 image2 image3 image4 image5

Notizie flash

OGGI 31 LUGLIO 2011 nasce “la voce cosentina

la voce cosentina”, rappresenta una scommessa, una sfida. Quella di offrire un'informazione libera e realmente senza padroni. La sfida del coraggio della verità. Quella verità scomoda che non piace ai potenti, a chi gestisce le lobby, a chi amministra il bene pubblico per trarne vantaggi di natura personale e familiare.

Sei quì: Home Scritti Corsari Giacomo Mancini ad otto anni dalla sua scomparsa

Calendario

«  settembre 2021  »
lmmgvsd
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930 
Giacomo Mancini ad otto anni dalla sua scomparsa PDF Stampa E-mail
Cosenza, otto anni fa la scomparsa di Giacomo Mancini
Il ricordo di uno dei più grandi leader del socialismo calabrese e nazionale, Giacomo Mancini, ex sindaco della città dei Bruzi (pubblicato il 08.04.2010)

Cosenza, otto anni fa la scomparsa di Giacomo Mancini 08/04/2002 - 08/04/2010


IL SEGRETARIO PROVINCIALE DEL NUOVO PSI - BONOFIGLIO
A tracciare un ricordo di Giacomo Mancini ad otto anni dalla sua morte, il segretario provinciale del Nuovo Psi di Cosenza, Gianfranco Bonofiglio: «Sono trascorsi otto anni dalla perdita di Giacomo Mancini, un grande leader del socialismo calabrese e nazionale, ed ancora oggi si sente la mancanza di un vero leader che avrebbe potuto certamente essere un faro per tutti quei socialisti che in Calabria ancora credono negli ideali e nel pensiero riformista».
«E non si può non riflettere – prosegue Bonofiglio – su quello che è stato il risultato delle varie anime socialiste che si misurate con l’elettorato nelle recenti elezioni del 28 e 29 marzo. Un dato risalta inequivocabile. Nelle elezioni regionali del 2005 il Nuovo Psi, allora guidato da Saverio Zavettieri ottenne l’elezione di ben tre consiglieri regionali e tre consiglieri vennero eletti nelle liste dell’allora Sdi. Oggi sia la lista dei Psi – Socialisti Uniti che la lista Psi - Sinistra con Vendola non hanno raggiunto il quorum del 4%, non eleggendo alcun consigliere».
«Discorso diverso per il Nuovo Psi di Stefano Caldoro - prosegue Bonofiglio – che avendo fatto parte della lista 'Insieme per la Calabrià con il Pri e l’Udeur ha contribuito con oltre 18.000 voti all’eccellente risultato di circa 53.000 voti con il 5,2%. Lista che ha eletto due consiglieri regionali. Permane comunque il fatto che per la prima volta dal 1970, anno in cui nacque la Regione Calabria, non vi sarà alcun consigliere regionale eletto con lo storico simbolo del garofano.
Ciò conferma la validità del progetto politico del Nuovo Psi ben consapevole che poter discutere o sperare nella ricomposizione o riproposizione di una compagine socialista è oramai fuori dai tempi. Diverso è un ruolo socialista riformista e libertario all’interno di un sistema bipolare ed all’interno del Popolo della Libertà». «Il Nuovo Psi, con impegno – conclude Bonofiglio – non potrà che essere l’unico referente credibile di una forte area socialista che nel Pdl e nel centrodestra potrà dare un concreto contributo riformista e libertaria».


Fonte : pubblicato  il 08.04.2010 su "Il quotidianoweb.it"